E-Mail: info@walterrolfo.it

Cell: +39 3480011257

Tel: +39 011 19719241

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

- Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

- Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Youtube\Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/
Pinterest informativa\configurazione https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
Flikr\Yahoo informativa http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/cookies/details.html
Flikr\Yahoo (configurazione) http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/opt_out/targeting/details.html

Cookie analytics

WebTrends

Al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito ci si avvale di un prodotto di mercato di analisi statistica per la rilevazione degli accessi al sito. Esso può ricorrere all'utilizzo di cookies, permanenti e non, allo scopo di raccogliere informazioni statistiche e sui "visitatori unici" del sito. I cookies, definiti come "Unique Visitor Cookies", contengono un codice alfanumerico che identifica i computer di navigazione, senza tuttavia alcuna raccolta di dati personali.

Google Analytics

Il sito include anche componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). Tali cookie sono usati al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito.
La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT


IL MOZART DELLE COLONNE SONORE

L’intervista che segue è tratta dal mio libro “Incontri straordinari – 70 interviste con personaggi che hanno quel qualcosa in più” (Florence Art edizioni). Una galleria di ritratti che lasciano emergere storie minimali o epiche, raccontano i loro sogni, le speranze, le passioni alla ricerca di quella scintilla che li ha trasformati in numeri uno. Storie che ci ricordano che ognuno di noi è un “incontro straordinario”, un universo pieno di meraviglie da esplorare. (lu.don.)

"Buca con acqua...". Battuta memorabile di Ugo Tognazzi nel film "Il federale". Che però è destinato a passare alla storia per un altro motivo: la musica. La prima colonna sonora composta da Ennio Morricone. Anno 1961: la leggenda comincia. Seguiranno oltre 500 colonne sonore di successo – 30 delle quali destinate a trasformare il western in epopea – e la collaborazione con i più importanti registi dell'ultimo mezzo secolo.

Una carriera consacrata il 25 febbraio del 2007, quando dopo cinque nomination non premiate, il mondo del cinema gli conferisce il Premio Oscar alla carriera. Lui, la leggenda, è un distinto signore di 84 anni, pacato, consapevole del grande avvenire che ha dietro le spalle eppure modesto come solo i grandi sanno essere.

"C'era una volta in America" restaurato è tornato nelle sale, un film dove la musica è fondamentale. De Niro alla prima ha pianto. E lei?

«L'ho visto in anteprima a Roma, la parte aggiunta e' utile alla narrazione della storia; anche se non era stata inserita nella prima versione, o meglio era stata una di quelle parti "tagliate" per ridurre la durata del film. mi e' molto piaciuto rivederlo anche se non posso fare il paragone con la grande emozione di quando lo vidi per la prima volta. Certo, e' una pietra miliare del cinema italiano».

Le sue musiche sono importanti quanto la struttura del film. Qual è il segreto, come nascono le sue colonne sonore?

«Francamente non credo che lsia così: le mie musiche, come tutte le altre, sono un complemento al film; se un film e' bello e raccoglie il consenso del pubblico, anche la musica ne beneficia. Se il film invece non piace la musica non basta a modificare il giudizio del pubblico. Per scrivere le musiche solitamente leggo la sceneggiatura che mi porta il regista, parlo con lui, cerco di capire qual e' il risultato che vuole ottenere e poi comincio il lavoro e propongo il risultato».

Qual è il regista col quale ha avuto un miglior feeling nella collaborazione? E quello con cui è stato più difficile lavorare?

«In un rapporto con un regista, specie con un grande regista, si sente sempre tanta responsabilità; ed è sempre difficile per chi svolge un lavoro creativo. La produzione della sua arte genera sempre una sofferenza per il raggiungimento del risultato. In un film poi ci sono tante componenti, tante persone, professionisti ed artisti che lavorano insieme; ogni passaggio crea difficolta' e sofferenza per il raggiungimento di un obiettivo di cui il regista e' il protagonista. Premesso questo, se devo citare qualcuno, direi che con Tornatore, un grande regista, mi trovo bene anche perché negli anni e' nata un'amicizia che mi aiuta a proporre soluzioni musicali nuove, mi aiuta a sperimentare. (Morricone ha appena terminato di lavorare alle musiche del nuovo film di Tornatore, "La migliore offerta" ndr.) È vero che posso sperimentare anche all'inizio di un rapporto, al primo film con un regista, per capire poi cosa lui pretende o chiede. Ma Tornatore non mi chiede, aspetta le mie proposte».

Qual è il film che ama di più fra quelli che ha musicato? E la colonna sonora?

«Tutti. Ogni film a cui ho lavorato, soprattutto quelli che non hanno avuto fortuna».

Lei va al cinema? Che tipo di film va a vedere?

«Vado poco al cinema, ma non mi perdo i successi della stagione. Sono curioso di capire se il successo è meritato. In alcune occasioni sono deluso dalle musiche».

Oltre 500 colonne sonore, tanti i capolavori. Ci sono stati successi inattesi, o al contrario brani che non hanno avuto il successo che si aspettava?

«Non mi aspetto mai un successo: il film deve essere un successo, non la musica. Sono dispiaciuto se un film non va. Però mi è capitato di sorprendermi che un brano piacesse più di un altro. Ad esempio tra le musiche di "Metti una sera a cena" io pensavo potesse piacere al pubblico "Uno che grida amore" perché è originale nella forma compositiva. Alla gente invece è piaciuto di più il tema del film; comunque per me il pubblico ha sempre ragione».

C'è qualcuno che lei considera suo erede?

«Ci sono tanti bravi compositori, che hanno studiato e studiano, meritano di poter scrivere e lavorare; è con l'applicazione e l'originalità che potranno confermarsi e crescere. Ce ne sono molti altri che non hanno personalità e fanno musiche che assomigliano ad altre già sentite».

L'Oscar le ha cambiato la vita in qualche modo?

«No, per niente. Ho avuto tanti premi importanti, credo oltre 200. Fa certamente piacere riceverli; ma nella coscienza di chi prende un premio, compreso l'Oscar, deve esserci la consapevolezza che quel premio rappresenta solo un grande veicolo di promozione e pubblicità per il mondo del cinema. I premi li generano i film, non bisogna illudersi quando si riceve un premio. Infatti riconoscimenti importanti sono andati a anche a personaggi di cui nel giro di poco tempo non si ricorda più nessuno, degli sconosciuti».

Mi racconta la sua giornata lavorativa tipo?

«Mi alzo molto presto, eseguo degli esercizi di ginnastica, faccio una camminata, esco a prendere i giornali che leggo voracemete e poi mi metto a scrivere la musica , ancora oggi usando solo carta e matita. Altre volte invece, quando ho qualcosa di urgente da fare, comincio subito a lavorare».

Per concludere, lei fa concerti ornai da molti anni. Cosa le hanno dato questi anni di contatto diretto col pubblico?

«Il mio lavoro è quello di compositore, è quello che faccio e che ho fatto da sempre. Non mi considero un direttore d'orchestra. Dirigo solo la mia musica perché avendola composta credo di esserne adatto e capace. Eseguire la mia musica in pubblico e dirigerla, in questi anni mi ha dato emozioni importanti. ».

3 novembre 2012

 

 

ALTRE NOTIZIE DAL BLOG:

L'IMPOSSIBILE SECONDO LEWIS CARROLL

Lo storyteller è in viaggio in cerca di altre storie da raccontare. L’appuntamento con la prossima storia impossibile è per...

L'IMPOSSIBILE SECONDO MAURITS CORNELIS E…

Lo storyteller è in viaggio in cerca di altre storie da raccontare. L’appuntamento con la prossima storia impossibile è per...

LA RICERCA DELL'AMORE PERDUTO

Ci credete all’amore a prima vista? Quella che arriva da Dublino è la storia di una ricerca improbabile per soddisfare...

LA LEGGENDA DELLE PAPERELLE SULL'OCEANO

Cosa diresti se, navigando sull’oceano, tu vedessi apparire all’orizzonte migliaia di paperelle di plastica, tante da tingere il mare di...