E-Mail: info@walterrolfo.it

Cell: +39 3480011257

Tel: +39 011 19719241

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

- Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

- Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Youtube\Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/
Pinterest informativa\configurazione https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
Flikr\Yahoo informativa http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/cookies/details.html
Flikr\Yahoo (configurazione) http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/opt_out/targeting/details.html

Cookie analytics

WebTrends

Al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito ci si avvale di un prodotto di mercato di analisi statistica per la rilevazione degli accessi al sito. Esso può ricorrere all'utilizzo di cookies, permanenti e non, allo scopo di raccogliere informazioni statistiche e sui "visitatori unici" del sito. I cookies, definiti come "Unique Visitor Cookies", contengono un codice alfanumerico che identifica i computer di navigazione, senza tuttavia alcuna raccolta di dati personali.

Google Analytics

Il sito include anche componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). Tali cookie sono usati al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito.
La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT


PETER PAN AL PIANOFORTE

L’intervista che segue è tratta dal mio libro “Incontri straordinari – 70 interviste con personaggi che hanno quel qualcosa in più” (Florence Art edizioni). Una galleria di ritratti che lasciano emergere storie minimali o epiche, raccontano i loro sogni, le speranze, le passioni alla ricerca di quella scintilla che li ha trasformati in numeri uno. Storie che ci ricordano che ognuno di noi è un “incontro straordinario”, un universo pieno di meraviglie da esplorare. (lu.don.)

Con quel suo passo un po' scombiccherato, scarpe da tennis, jeans e maglietta sotto una faccia da cartone animato, è salito sui palcoscenici più importanti e con la sua musica ha fatto il giro del mondo. Musica classica contemporanea eseguita con la purezza di un bambino e la sensibilità di un grande artista, dice chi gli vuole bene. Musica d'intrattenimento, banale e orecchiabile, dice chi gli vuole male.
Giovanni Allevi è l’uomo dei grandi eventi. Per ben due volte ad esempio ha rappresentato la musica italiana ai Giochi Olimpici. Dopo aver diretto la China Philarmonic Orhestra a Pechino nel 2008, è stato protagonista al Queen Elizabeth II Conference Centre di Londra. Perle di una lunga collana di successi: ai critici più o meno arrabbiati l'enfant terrible della classica risponde con un curriculum da far paura: 43 anni, laureato con lode in Filosofia con una tesi su "Il vuoto nella Fisica Contemporanea", diplomato in Pianoforte e composizione con il massimo dei voti, ha suonato nei templi della grande musica, ha diretto il concerto di Natale al Senato, si è esibito in piazza del Plebiscito a Napoli e all'Arena di Verona di fronte a platee di migliaia di persone, ha diretto la propria musica alla guida della "All Stars Orchestra", (novanta elementi scelti tra i virtuosi dei più importanti ensemble musicali del mondo), ha venduto oltre settecentomila copie di dischi nel mondo collezionando cinque dischi di platino, e ha trovato anche il tempo di scrivere anche tre libri di successo. Per i critici c'è di che rosicare.
Cosa significa un palmares del genere per lei?
«Vuol dire che il popolo dei sognatori è ancora con me! Magari il nostro spread non è dei migliori, ma in fatto di arte, creatività ed immaginazione non siamo secondi a nessuno».
Come fa a cogliere tutte le occasioni più importanti?
«Basta non pensarci, e al tempo stesso mettere il cuore in tutto quello che si fa. I risultati arrivano, anche in maniera del tutto inaspettata».
Marketing e comunicazione quanta parte hanno nel successo del suo personaggio? Mai avuto paura di essere un ingranaggio nella macchina dello show business?
«Non c'entrano assolutamente nulla. Il marketing è una scienza, ed in quanto tale tende alla riproducibilità di un fenomeno. Ma non mi sembra di vedere tanti altri Giovanni Allevi in giro».
Come vive il fatto di non essere mai stato completamente accettato da una certa parte della musica accademica? Quanto c'è di invidia nelle critiche che riceve?
«Lo vivo come una grossa nota di merito. Chi è l'artista del cambiamento? Colui che viene accettato dall'establishment perché fa un'arte che ribadisce lo status quo, o chi sovverte gli ordini dell'Accademia? Non c'è solo invidia. Il mondo accademico mi teme perché ha paura di perdere potere culturale».
Musicisti di oggi o del passato, chi ammira di più, e chi invece non ama?
«Ammiro Vivaldi, che fu considerato un compositore mediocre. Ammiro Puccini considerato "responsabile del decadimento culturale" dell'Italia del suo tempo. Provo invece repulsione per tutta una schiera di compositori cosiddetti "contemporanei" del Novecento italiano, che pur di andare dietro alla dodecafonia tedesca, che era di moda, hanno interrotto quella straordinaria tradizione che ci ha resi per secoli un faro nel mondo».
Com'era Allevi da bambino, un piccolo Mozart?
«No, ho avuto un'infanzia felicissima. Mi arrampicavo sugli alberi, andavo a caccia di lucertole, mi chiudevo negli scatoloni. E progettavo navi spaziali. Il buio dell'anima l'ho conosciuto dopo. E da allora la mia vita è tutta un rincorrere quel bambino non ancora completamente perso».
Per diventare Allevi ha dovuto fare rinunce?
«Si, ho lasciato la mia famiglia, il lavoro, la mia città. Ma quando sei un sognatore, le rinunce non pesano, e vivere in un monolocale disordinato al centro di Milano può regalarti una grande poesia».
Che differenza c'è fra l'Allevi pubblico e quello privato?
«Nessuna, così come non c'è differenza tra me e la mia musica».
Passati i quaranta lei continua a sembrare un Peter Pan della musica. Le fa piacere o le pesa?
«Mi fa molto piacere, però avverto i miei fan che prima o poi invecchierò».
Cosa succederà in questi concerti?
«Ci sarà un pianoforte. Poi arriverà una specie di giovane capellone, timidissimo con l'anima fritta e scombinata. Metterà le dita sulla tastiera e tutto il suo esaurimento nervoso avrà una ragion d'essere».

Luglio 2012

 

 

ALTRE NOTIZIE DAL BLOG:

IN CERCA DI STORIE

NON TROVERAI MAI ARCOBALENI SE GUARDI IN BASSO (Charlie Chaplin) Sembra impossibile ma… …lo storyteller è in viaggio in cerca di nuove...

IL FOGLIO CHE GENERA IL FREDDO

Istruzioni per l’uso: compri un sottilissimo foglio, più fine della carta di alluminio che si usa in cucina, e ci...

IL PIU' GRANDE INSEGUIMENTO DELLA STORIA

“Perché fare cose difficili quando con un minimo sforzo si possono fare cose impossibili?”. Quello che forse è il più...

LA PROVA D'AMORE

Sembra impossibile ma Per amore può succedere di tutto, anche che... Oggi andiamo a Ningbo, città cinese alla confluenza fra i fiumi...