E-Mail: info@walterrolfo.it

Cell: +39 3480011257

Tel: +39 011 19719241

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

- Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

- Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Youtube\Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/
Pinterest informativa\configurazione https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
Flikr\Yahoo informativa http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/cookies/details.html
Flikr\Yahoo (configurazione) http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/opt_out/targeting/details.html

Cookie analytics

WebTrends

Al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito ci si avvale di un prodotto di mercato di analisi statistica per la rilevazione degli accessi al sito. Esso può ricorrere all'utilizzo di cookies, permanenti e non, allo scopo di raccogliere informazioni statistiche e sui "visitatori unici" del sito. I cookies, definiti come "Unique Visitor Cookies", contengono un codice alfanumerico che identifica i computer di navigazione, senza tuttavia alcuna raccolta di dati personali.

Google Analytics

Il sito include anche componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). Tali cookie sono usati al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito.
La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT


L'INVENTORE DELL'ISOLA DEI FAMOSI

Sembra impossibile ma…

Questa è una storia vera. La storia di un genio della truffa. Gregor MacGregor nasce a Edimburgo nel 1786. Figlio di un capitano di Marina, nel 1803 si arruola nella Royal Navy. Nel 1805 si sposa con Mary Bowater, che muore pochi mesi dopo. Lui lascia la Scozia e serve negli eserciti spagnolo e portoghese, quindi nel 1811 va in Venezuela e partecipa col grado di colonnello alla liberazione del Paese. Nel 1820 torna a Londra e si presenta all’alta società come Cacicco (sovrano) del Principato di Poyais, piccolo stato indipendente nella baia di Honduras: 32400 km² di terra fertile e incontaminata abitata da pochi coloni britannici e numerosi nativi, tutti di indole assai pacifica. Un paradiso in terra, da lui civilizzato e retto attraverso un governo democratico e un piccolo esercito. In breve MacGregor, personaggio pittoresco dai modi signorili e la parlantina sciolta, diventa il beniamino dei salotti inglesi, dove si presenta in alta uniforme con la seconda moglie, la creola Josefa, e racconta ammiratissimo le sue mirabolanti imprese.

Tutte false, così come una sua invenzione è lo stato di Poyais. Nasce così la prima, drammatica “Isola dei famosi”. MacGregor infatti dopo aver aperto una sorta di ambasciata di Poyais nell’Essex, dove vive nel lusso, “accetta” di portare sulla sua isola un certo numero di coloni e investitori, cui vende a prezzi stracciati i diritti su vasti appezzamenti di terreno. Nel 1822 pubblica anche una guida di Poyais, 350 pagine scritte da un fantomatico capitano Strangeways (!), che esalta i rapidi guadagni realizzabili sfruttando le eccezionali risorse del territorio, già dotato di infrastrutture e ricchissimo di miniere di oro e di argento. Inoltre, conclude il libro, sull’isola non esiste il pericolo di malattie tropicali. In breve imprenditori, banchieri, dottori, avvocati e ricchi commercianti fanno la fila per salire sulle prime due navi in partenza per i Caraibi. E quasi tutti cambiano ogni loro sterlina con dollari di Poyais, cartastraccia stampata da MacGregor.

Due navi con 240 aspiranti pionieri partono dai porti inglesi. All’arrivo, trovata a fatica una rada dove attraccare, scendono sull’isola. Che non è un paradiso, ma un inferno: non c’è alcuna colonia, solo le rovine di un insediamento del secolo precedente in mezzo a una giungla selvaggia, abitata da pochi nativi ostili e da un paio di eremiti americani. Abbandonati lì dalle due navi, i “naufraghi” guidati da Hector Hall, che avrebbe dovuto essere il governatore, costruiscono rudimentali rifugi. Sono disperati, litigano tra loro, in molti si rifiutano di cooperare, poi le malattie tropicali fanno le prime vittime. Solo tre mesi dopo la Mexigan Eagle, una nave di passaggio, li raccoglie per caso: all’arrivo nell’Honduras Britannico il governatore li informa che non esiste alcun luogo chiamato Poyais. Molti di loro, assai provati, moriranno in ospedale. Altri tornano a casa senza una sterlina. Su 240 coloni partiti, solo 60 sbarcheranno a Londra. Da dove partirà subito una flottiglia di vascelli per richiamare indietro cinque navi cariche di coloni dirette a Poyais e partite nel frattempo.

A Londra i giornali pubblicano la storia, ma nonostante tutto buona parte dei sopravvissuti si rifiuta di credere che dietro la truffa ci sia MacGregor, anzi lo difendono a spada tratta. Lui nel frattempo è partito per Parigi, dribblando ogni problema. E in Francia pochi mesi dopo ripropone la medesima truffa con tutta una serie di ingegnosi varianti: Poyais ad esempio diventa una Repubblica, di cui lui è Capo di Stato. Ha già rastrellato i soldi dei facoltosi clienti quando i funzionari francesi si accorgono delle numerose richieste di passaporto per una nazione di cui non hanno mai sentito parlare e requisiscono il vascello in partenza da Le Havre. Segue un processo in cui tutti i complici vengono condannati e incarcerati. MacGregor no, viene assolto e rilasciato. Torna in Inghilterra, dove le acque si sono calmate. E continua a vendere in varie città terreni Poyaisiani: non organizza più spedizioni, si limita a fuggire coi soldi in tasca. Nel 1839 si trasferisce in Venezuela dove chiede e ottiene una consistente pensione per i servigi prestati. Muore a Caracas nel 1845.

In fondo è la storia di un uomo sfortunato: fosse nato 150 anni dopo oggi sarebbe il premier perfetto, un grande Capo di Stato. Di qualunque Stato.

https://www.youtube.com/watch?v=eaJbQNRT570